Accademia Romana di Liuteria 

presidente   M° Pier Luigi Panfili

“La musica è una rivelazione, più alta di qualsiasi saggezza e di qualsiasi filosofia.”             -Ludwig van Beethoven-

IMG_6595

Avv. Guglielmo Russo, M° Pier luigi Panfili e il Prof. Gualtiero Nicolini, presidente A.N.L.A.I., in visita alla “Bottega de’ Leutari” in via Mantellini a Roma

 

 L’Accademia

L’Accademia Romana di Liuteria è lieta di dare il benvenuto a tutti gli appassionati che coltivano, sotto vari aspetti, il loro interesse per questa nobilissima Arte. Voluta e fondata dal M° Pier luigi Panfili, musicista/liutologo di trentennale esperienza, unitamente agli avvocati Ombretta Mattetti e Guglielmo Russo, l’Accademia intende colmare un vuoto nella città capitolina: la pressochè totale assenza di una scuola e di un vero e proprio punto di incontro, di riferimento, di studio e diffusione dell’Arte liutaria. Per questo , in collaborazione con altre associazioni, istituti e personalità del settore, ed in primis A.N.L.A.I. – Associazione Nazionale Liuteria Artistica Italiana – di Cremona, abbiamo dato vita a questo progetto ambizioso con l’intento di svilupparlo negli anni a venire. L’Accademia Romana di Liuteria ha come finalità lo studio, la conservazione e la divulgazione delle discipline liutarie nell’ambito della costruzione degli strumenti cordofoni a pizzico e ad arco. Come ente associativo l’Accademia intende collaborare con personalità ed altri enti associativi al fine di incrementare la propria importanza nel settore della didattica liutaria nell’Italia centrale e meridionale. L’Accademia organizza stages, incontri, concerti e visite museali; ha in programma pubblicazioni monografiche e materiale documentale liberamente fruibile sulle pagine di questo sito. Chiunque possa essere interessato alla liuteria o la musica in generale può trovare ampio supporto , sia come semplice associato, sia come allievo effettivo dei corsi proposti. Aspetto fondamentale ed essenziale dell’AWP_20141006_019ccademia è la sensibilizzazione sociale della cultura e dell’Arte come punti significativi dei percorsi formativi e della didattica. Cultura e Arte, quindi, rappresentano il fulcro dell’Accademia, il suo patrimonio e il dono che essa intende trasmettere con il potere evocativo e performativo della tradizione e della storia.

Le nostre radici

Fra i tanti patrimoni italiani vi è quello della liuteria che ha radici storiche molto lontane nel tempo. Antonio Stradivari e Giuseppe Guarneri detto del Gesù sono solo i nomi più ridondanti di una grande schiera di artisti/artigiani, che con le loro opere hanno dato lustro e gloria al nostro paese. In ustradivariworkshopn lasso di tempo che va dal rinascimento fino ai nostri giorni l’Italia continua a dettare le regole e le prassi metodologiche per la realizzazione di strumenti musicali di altissimo livello. Tuttavia questo primato è oggi seriamente minacciato dalla non curanza delle istituzioni e dalla scarsa diffusione culturale che se ne fa nei media e nelle scuole in genere. Il “mestiere” di liutaio è diventato sempre più un’attività di nicchia e riservata a pochi “eletti”: frammenti di meteore sparsi quà e là e tutti orbitanti verso un  centro gravitazionale che trova  nella città di Cremona, giustamente definita città di elezione della liuteria, il suo naturale epicentro. Il compito che noi soci fondatori dell’Accademia Romana di Liuteria ci siamo appassionatamente proposti è quello di rivalorizzare l’alto artigianato fra i giovani e restituire interesse e “attenzione” alle nuove generazioni verso quei valori umani e sociali  che rendono “autentico” il nostro vivere quotidiano. Un piccolo tassello di un nuovo Rinascimento italiano!

Il Presidente

 Mi chiamo Pier Luigi Panfili, sono nato a Roma e da più di trent’anni mi occupo di musica e liuteria. Sono diplomato in chitarra classica al Conservatorio di musica della mia città ed ho lavorato sia come insegnante che come liutaio, attività questa condivisa con i numerosi concerti che ho sostenuto in Italia e all’estero. Ho vissuto molti anni in Germania e in Spagna, dove ho potuto conoscere numerosi musicisti, artigiani e liutai affermati e mi reco puntualmente ogni anno nelle principali città europee dove ci siano musei che espongano strumenti  musicali antichi degni di nota: per osservarli, ammirarli e studiarli. Pur occupandomi di musica e liuteria a tempo pieno, ci tengo a sottolineare che i miei interessi, che spaziano dalla letteratura alle arti figurative, dal teatro alle relazioni sociali,  riescono ancora a trovare il loro sprazzo di tempo utile a fine giornata. Ho una particolare predilezione per tutto ciò che è fatto squisitamente “a mano”, con il solo frutto dell’ingegno e dell’intuizione personale. Non ho particolare simpatia per le nuove tecnologie, anche se le ritengo utili, poichè credo che minori siano i benefici che queste portino nella vita di tutti i giorni rispetto al “rischio” di assuefazione e subordinazione al quale ci espongono in modo costante. Un’altra cosa a cui tengo mettere l’accento è il meraviglioso incontro con il Prof. Gualtiero Nicolini, presidente dellìA.N.L.A.I. di Cremona,  il quale mi ha incoraggiato e stimolato, col suo fare pragmatico, a insistere sul cammino della via intrapresa: cammino non facile e per certi versi molto insidioso. Infine, un ringraziamento anticipato a tutti coloro che vorranno sostenere la nostra Accademia e contribuire così al suo futuro sviluppo.